Debora De Lorenzi – Autrice

maggio 8, 2012

Debora De Lorenzi – L’imbroglio dell’anima – INTERVISTA a cura di Evelyn Storm

Filed under: Uncategorized — deboradelorenzi @ 1:16 pm

Sinossi

Un’antica profezia introduce alla lettura di questo romanzo in stile fantasy. La narratrice, Charlotte Mcdonnell, un’affascinante giovane Irlandese, si trova proiettata in Italia, ai giorni nostri, senza riuscire a ricordare nulla del suo passato, se non immagini e sensazioni di luoghi tremendamente affascinanti. Strani ed inspiegabili eventi caratterizzano la sua attuale esistenza, così come innumerevoli misteri, convincendola a rifiutare la parvenza di “normalità” che le viene imposta, e decidere di ritrovare se stessa e la sua storia. L’Irlanda è la chiave, il punto di partenza da cui lanciarsi a capofitto verso un mirabolante ed inimmaginabile destino. Il ritmo è incalzante, la storia appassionante e avvincente, dove l’intrecciarsi di eventi e personaggi unici e misteriosi coinvolge ed emoziona.

Intervista all’autrice

Vuoi parlaci di te?

No grazie.

 

Come mai hai scelto di scrivere un libro fantasy?

Non l’ho scelto, è successo. Scrivo istintivamente, seguendo quel che il mio animo suggerisce, non programmo preventivamente la trama dei miei romanzi. Alla fine della stesura sorprendono anche me.

 

Raccontaci cosa ti ha ispirato maggiormente nella stesura del tuo romanzo.

 

Per quanto riguarda L’Imbroglio dell’anima, è stata una sensazione a farlo nascere. Poi l’ho assecondata e accompagnata alla musica dei Muse e dei Gun’s.

 

 

Se dovessi usare tre aggettivi per descrivere ciò che hai scritto, quali useresti e perché.

 

Direi: passionale, misterioso e sorprendente. Sono le emozioni che hanno caratterizzato la stesura.

 

Quanto c’è di te stessa nella trama?

Ci sono i miei sogni, le mie passioni, le mie paure, i miei valori. Potrei tranquillamente affermare senza remore, tutta me stessa!

 

Quale è stato il momento più esaltante durante la scrittura?

 

Penso l’inizio, quando ho scoperto Damien. E’ con lui che ho incominciato e le mie sensazioni a riguardo erano fortissime. Poi la storia è andata a ritroso e mi ha permesso di conoscere tutti gli antefatti ed i relativi personaggi correlati.

 

L’Irlanda è la chiave. Perché, tra tutti i paesi del mondo, l’hai scelta?

 

L’Irlanda di suo rappresenta grazie alla propria storia personale e culturale il fulcro della magia per eccellenza. I suoi paesaggi incontaminati sono pressoché unici, il clima è perfetto. Era senza dubbio il luogo ideale per l’ambientazione, anche se devo riaffermare che non vi è stata alcuna scelta ragionata, neppure su questo. Quando le streghe Mcdonnel sono “nate”, l’hanno fatto in Irlanda.

 

Chi è Charlotte Mcdonnell?

 

Charlotte rappresenta il risultato compiuto, dopo un’innumerevole serie di tentativi. Grazie alle precedenti generazioni, ai loro sacrifici ed il loro impegno, lei è potuta esistere.  E’ un connubio perfetto tra istinto e intelletto, tra fascino e tenacia. Una donna, una strega: combattiva, ironica, passionale, compassionevole e imprevedibile. Il fatto poi che sia bellissima direi che non guasta.

 

Progetti per il futuro?

 

Il mio terzo romanzo “Un fiore d’ombra” è già al vaglio di un Editor, sto lavorando al quarto e pensavo, quando ne avrò tempo e voglia di rieditare il mio primo lavoro “Maledetto Libero Arbitrio”. Considerando però che sono affidabile quanto il tempo… staremo a vedere!

 

Cosa consiglieresti agli scrittori emergenti?

 

Mi rendo conto (perché lo vivo) che non è affatto semplice accedere al mondo dell’editoria quando si è agli inizi, dunque si potrebbe pensare di affidarsi agli editori a pagamento pur di vedere le proprie opere pubblicate. Può essere un modo per incominciare.  Sinceramente non mi sento di dare consigli, credo che ognuno debba tentare quel che ritiene più opportuno, in base alle proprie aspettative. In fondo è con noi stessi che dobbiamo convivere.

Blog su WordPress.com.